Sfondo titolo Azienda

Tumori del sottocute

CISTI EPIDERMOIDE
Chiamata anche cisti sebacea, è la cisti cutanea di più comune riscontro. Prende origine dall'epidermide o dall'epitelio del follicolo pilifero ed è costituita da una cavità cistica localizzata nel derma e ripiena di cheratina e di materiale lipidico. Il contenuto della cisti è simile alla cheratina, è un materiale di consistenza pastosa, color crema e odore simile al formaggio rancido. Di solito compare nei soggetti giovani o di mezza età, e le zone del corpo maggiormente interessate sono: il volto, il collo, la parte superiore del tronco e lo scroto. La lesione e di solito solitaria, ma può anche essere multipla ed è costituita da un nodulo dermico sottocutaneo di dimensioni variabili da 0,5 a 5 cm di diametro. La rottura della parete della cisti è frequente, con fuoriuscita del materiale che determina una reazione infiammatoria ed intenso dolore. La terapia elettiva per questo tipo di lesione è l'enucleazione chirurgica in anestesia locale, ma si deve fare attenzione ad asportare tutta la parete della cisti per evitare il presentarsi di recidive.

CISTI TRICHILEMMALE
E' la seconda cisti cutanea più frequente dopo la cisti epidermoide. E' di solito localizzata al cuoio capelluto, nelle donne di mezza età, spesso è familiare. Le lesioni, spesso multiple, sono costituite da noduli lisci duri e cupoliformi sottocutanei senza connessioni con l'epidermide, e hanno dimensioni che variano da 0.5 a 5 cm di diametro. La cisti contiene cheratina molto densa e rosa e quando si rompe e questo materiale fuoriesce, crea una reazione infiammatoria dolorosa nei tessuti circostanti. Anche per questo tipo di lesione la terapia elettiva è l'enucleazione chirurgica in anestesia locale.

CISTI MIXOIDE DIGITALE
Denominata anche cisti mucosa, la cisti mixoide digitale è una pseudocisti che compare in corrispondenza dell' articolazione interfalangea distale e alla base delle unghie delle dita di mani e piedi, spesso associata ai noduli osteofitici di Heberden. Si manifesta di solito nei soggetti anziani con più di 60 anni di età. Di solito appare come una cisti solitaria, gommosa e translucida che compare sulla superficie dorsale delle articolazioni interfalangee distali delle mani, meno frequentemente dei piedi. Le terapie per questo tipo di lesione sono molteplici, e vanno dalla semplice compressione giornaliera della lesione per alcune settimane o all'iniezione di sostanze sclerosanti, fino all' asportazione chirurgica della lesione in anestesia locale.

CISTI DA INCLUSIONE EPIDERMICA
Si sviluppa in seguito all'impianto traumatico dell'epidermide nel derma dove cresce e si forma un accumulo di cheratina all'interno della cavità cistica.La lesione, che appare come un nodulo dermico, si manifesta più frequentemente in sede palmoplantare. La terapia è l'asportazione chirurgica in anestesia locale.

LIPOMA
Il lipoma è un tumore sottocutaneo benigno costituito da adipociti (cellule di grasso). Le sedi più frequenti dove si manifestano sono: il collo, il tronco e le estremità. È preferibile asportare queste lesioni quando sono ancora piccole perché possono raggiungere dimensioni notevoli (anche 12 cm di diametro). La terapia per questo tipo di lesioni è l'asportazione chirurgica in anestesia locale. 
 
TUMORI DELLE PARTI MOLLI