Sfondo titolo Azienda

Camminando e leggendo ricordo

                                          

“Camminando e leggendo…ricordo”

Promozione dell’attività fisica e della lettura per la prevenzione del decadimento cognitivo

Nell’Ulss 9 le persone affette da demenza sono circa 5000. In base alle stime che per i paesi industrializzati prevedono una crescita del 100% entro 30 anni, i casi nella nostra Ulss nel 2040 saranno circa 10.000.
Le evidenze scientifiche indicano che l’attività motoria svolge un ruolo protettivo in prevenzione primaria riducendo il rischio di insorgenza di deficit cognitivo ed in prevenzione secondaria abbassando la probabilità di progressione verso la demenza delle condizioni di deficit cognitivo lieve (MCI). L’attività fisica non solo migliora le performances fisiche,riducendo il rischio di cadute e l’incidenza o la progressione di patologie croniche concomitanti, ma ha un effetto diretto sul miglioramento delle funzioni cognitive.
Anche la lettura rappresenta un importante presidio di prevenzione del deficit cognitivo, così come il mantenimento di una rete di relazioni sociali.
Una collaborazione tra il Dipartimento di Prevenzione e l’Unità Operativa Disturbi Cognitivi e della Memoria ha portato alla definizione di una proposta specificamente rivolta a soggetti con diagnosi di deficit cognitivo lieve (MCI) e a loro familiari.
È nato così il progetto “Camminando e Leggendo…ricordo” che propone un’attività in palestra seguita da camminata veloce all’aperto (bisettimanale) ed un ‘gruppo di lettura’ in cui partecipanti sono stimolati a completare a domicilio un libro iniziato insieme con lettura animata e, a distanza di un mese, condividere in gruppo le impressioni ricevute.
I 30 pazienti arruolati vengono clinicamente monitorati per valutare l’effetto della proposta.
La promozione della lettura come opportunità di prevenzione del decadimento cognitivo viene rafforzata anche dal loro coinvolgimento nell’iniziativa “PassaLibro, bookcrossing italiano” che consiste nella libera circolazione di libri donati da privati, selezionati e messi in circolo in specifici punti di diffusione tra i quali alcune sale d’attesa delle strutture dell’Ulss9 ed intende invogliare alla lettura con una modalità non convenzionale.